STREET VIEW
Aiuto?

Booking

Ti risponderemo senza impegno entro 24 ore
Quanti adulti?
Bambini 0-3 anni
Bambini 4-8 anni
 

Booking

Quanti adulti?
Bambini 0-3 anni
Bambini 4-8 anni
 

Città d’arte e di fede

Senigallia e Corinaldo

Sin dall'età preistorica la valle del Misa costituì un canale di comunicazione che collegava l'area costiera adriatica con quella tirrenica attraverso le gole appenniniche. Le prime testimonianze archeologiche risalgono al Paleolitico ma la valle viene ad assumere una importante rilevanza strategico-economica nella prima metà del IV secolo con l'arrivo delle popolazioni celtiche che scacciarono gli Umbri da questi territori. Secondo un'antica tradizione questi stessi Galli della tribù dei Senoni imposero il nome alla città di Senigallia e di questo centro, che sorgeva su un'area lagunare, fecero il capoluogo del territorio Gallico-Senonico, che si estendeva da Rimini fino al fiume Esino. Unico vero affluente del fiume Misa è il Nevola, sulla cui riva sinistra sorge la cittadina di Corinaldo. Dall'impianto urbano medievale e rinascimentale, situata tra le colline dell'entroterra, Corinaldo è ricca di ricordi storici e monumenti. Difesa da un'intatta cinta muraria risalente al 1367, fra le meglio conservate e più spettacolari delle Marche, la città vanta un centro storico di carattere tipicamente medievale formato da un susseguirsi di vie strette e abitazioni in laterizio. Lo scorcio più caratteristico è la Piaggia, detta anche le Cento Scale, che sale dritta fino alla Piazza del Terreno, sulla sommità del colle.

Tra i numerosi e importanti i monumenti architettonici di Corinaldo spiccano le chiese sei-settecentesche del Santuario di Santa Maria Goretti - che conserva una reliquia della santa corinaldese - del Suffragio e la barocca chiesa dell’Addolorata. Di pari importanza sono il Palazzo Comunale, ricostruito nella seconda metà del XVIII secolo e il pregevole Palazzo dell’ex-Convento dei Padri Agostiniani, dove è collocata la Civica raccolta d’Arte “Claudio Ridolfi”. Il museo comprende una raccolta di dipinti del Ridolfi e di altre personalità della pittura marchigiana del XVI-XVIII secolo e la sala del Costume e delle Tradizioni popolari, che conserva delle riproduzioni di abiti cinquecenteschi utilizzati nella rievocazione della “Contesa del Pozzo della Polenta”. Conosciuta specialmente per i suoi 13 km di “spiaggia di velluto”, Senigallia è una delle stazioni balneari più importanti delle Marche anche grazie al suo patrimonio culturale e naturalistico. Monumento simbolo della città è la famosa Rocca Roveresca, splendido esempio di architettura militare libero da sovrastrutture posteriori, che fu costruita a partire dal 1480 su disegno di Baccio Pontelli. Di fronte alla Rocca si trovano la Piazza del Duca con l’elegante fontana dei leoni e il Palazzo del Duca, già residenza dei duchi di Urbino. L’edificio, deturpato e decapitato di un piano dai conflitti mondiali, conserva ancora al piano nobile un ricco soffitto a cassettoni dello Zuccari. Poco distante dalla piazza sorge il Foro Annonario, imponente costruzione neoclassica progettata nel 1831 dal Ghinelli, è contornata da un porticato di 30 colonne doriche in cotto. Negli splendidi locali del sottotetto ha sede l’annessa Biblioteca Comunale “Antonelliana” ricca di molte pregevoli opere. Come città d’arte Senigallia riserva molte sorprese, chi la visita può constatare che i signori Della Rovere hanno lasciato testimonianze artistiche uniche. Un esempio è il Palazzetto Baviera, da ammirare per gli splendidi stucchi de 1590, e la chiesa di San Martino conclusa nel 1740, la quale custodisce dipinti importanti: “Madonna col bambino” e “Sant’Anna” del Guercino, ”Madonna e santi” di Nicola Bertuzzi oltre a tele di Palma il Giovane. L’offerta turistica è arricchita da eventi e manifestazioni che vengono organizzate per tutta l’estate: dai classici spettacoli pirotecnici sul mare, alla folkloristica fiera di Sant’ Agostino, fino al celeberrimo festival anni ‘40-50 del Summer Jamboree.

*
*

Viale Scarfiotti 13, 62017
Porto Recanati, MC - Italy

  • AUTOSTRADA

    Autostrada A14 >USCITA Loreto - Porto Recanati >PRIMA strada a destra, seguire le indicazioni per Numana.


    IN TRENO

    Stazione di Ancona: circa 30 km.
    Stazione di Porto Recanati: circa 5 km.


    IN AEREO

    L'aeroporto di Ancona è il punto ideale per raggiungere agevolmente in 30 minuti circa il Camping Bellamare, sia con l’auto che con i trasporti pubblici.

    Torna alla mappa

Web Marketing e Siti Internet Omnigraf - Web Marketing e Siti Internet