STREET VIEW
Aiuto?

Booking

Ti risponderemo senza impegno entro 24 ore
Quanti adulti?
Bambini 0-3 anni
Bambini 4-8 anni
 

Booking

Quanti adulti?
Bambini 0-3 anni
Bambini 4-8 anni
 

Terre di Focara

Parco di San Bartolo, Fiorenzuola di Focara

Il Parco Naturale del Monte San Bartolo segna l'inizio del sistema collinare della costiera del centro Italia, immediatamente susseguente ai ben noti lidi turistici dell'Adriatico Settentrionale. All'interno del parco sorgono dei piccoli e suggestivi centri abitati ricchi di storia e storie da raccontare dai quali si gode un panorama unico.
Con una superficie totale di circa 1600 ettari, il parco comprende la dorsale collinare che dal porto di Pesaro si estende fino a Gabicce Mare, costituendo il primo promontorio che affaccia sulla costa adriatica provenendo dal Nord dell’Italia.
Istituito nel 1997, il Parco emerge dalle basse spiagge romagnolo-marchigiane come un susseguirsi ondulato di speroni e vallecole digradanti sul mare, intervallate da pareti a strapiombo. Queste falesie strapiombanti sul mare mostrano aspetti geologici di grande interesse. Alla loro base, ad esempio, corre una sottile spiaggia di ghiaie e ciottoli derivante dalla demolizione e dal franamento delle pareti sovrastanti. Tali ciottoli, detti localmente "cogoli", venivano usati per la pavimentazione dei centri storici e delle vicine città costiere.

Oltre a presentare aspetti naturali e faunistici molto suggestivi, il Parco custodisce beni culturali di grande valore, come ad esempio la nota Villa Imperiale. La villa è una delle più belle residenze rinascimentali, costruita in due fasi successive: la più antica, risalente alla seconda metà del ‘400 e commissionata da Alessandro Sforza, mentre l'altra parte fu voluta quasi cento anni dopo, da Francesco Maria della Rovere. Questi ne affidò il progetto architettonico a Girolamo Genga con lo scopo di creare un luogo di incontri e di delizie che fu poi frequentato da famosi letterati ed artisti del calibro di Torquato Tasso e Pietro Bembo. La struttura, svelandosi a poco a poco in mezzo alla vegetazione, riprende la volontà del progettista di creare con il paesaggio circostante un rapporto di perfetta simbiosi. Ciò è testimoniato dai numerosi percorsi che, attraverso il bosco, collegavano l’Imperiale alle altre ville Roveresche. Splendido esempio di villa con giardino all’italiana, Villa Caprile venne costruita a partire dal 1640 dal marchese bergamasco Giovanni Mosca. Destinata a fini di ricevimento e villeggiatura, Villa Caprile ospitò personaggi molto importanti, tra cui Casanova, Stendhal, Rossini, Leopardi e, nel 1797 anche Napoleone Bonaparte. In uno dei noti giardini sono situati i decantati giochi d’acqua, che sorprendono e divertono i visitatori con spruzzi improvvisi che fuoriescono da siepi vasi e monumenti. Presso la località di Colombarone, si trova invece l’omonimo sito archeologico che conserva i resti di una villa tardo imperiale databile tra il III e il VI secolo d.C. su cui si imposta la basilica paleocristiana di San Cristoforo ad Aquilam, sede dello storico incontro nel 743 tra papa Zaccaria e l’esarca Eutiche. Gli scavi condotti negli ultimi venticinque anni hanno inoltre portato alla luce anche reperti come mosaici, bracciali, monete, vetri e anfore.

Tra i quattro castelli edificati tra il X ed il XIII secolo insieme a Casteldimezzo, Gradara e Granarola, il piccolo borgo medievale di Fiorenzuola di Focara completa l’organico sistema difensivo costruito al fine di controllare il valico della Siligata, nell’area di confine tra i Malatesta di Rimini e quelli di Pesaro. Formato da vicoli e piazzette risalenti al ‘600 racchiuse tra i resti di mura medievali di forma pentagonale, Fiorenzuola assunse nel 1889 la specificazione di Focara, probabilmente per la presenza nell’antichità di fuochi che segnalavano ai naviganti la posizione, o per la presenza di “fornacelle” dove si cuocevano laterizi e terrecotte. Dal punto di vista urbanistico, assume particolare interesse la porta sulla quale una targa rievoca i versi Danteschi (Inferno XXVIII) relativi ad un fatto avvenuto sul mare antistante. Da segnalare inoltre è la chiesa di Sant’Andrea, sulla quale esistono documenti fin dal XII secolo, di cui oggi sopravvive solo il suggestivo campanile con orologio

*
*

Viale Scarfiotti 13, 62017
Porto Recanati, MC - Italy

  • AUTOSTRADA

    Autostrada A14 >USCITA Loreto - Porto Recanati >PRIMA strada a destra, seguire le indicazioni per Numana.


    IN TRENO

    Stazione di Ancona: circa 30 km.
    Stazione di Porto Recanati: circa 5 km.


    IN AEREO

    L'aeroporto di Ancona è il punto ideale per raggiungere agevolmente in 30 minuti circa il Camping Bellamare, sia con l’auto che con i trasporti pubblici.

    Torna alla mappa

Web Marketing e Siti Internet Omnigraf - Web Marketing e Siti Internet